Footer Left

Ciao, sono Giò. 17 anni. Divoratore di libri, ma non di tutti. Amo i contemporary, i mistery, i distopici e anche i fantasy, ma solo se ben fatti (in realtà anche gli altri solo se ben fatti...).
Amo anche scrivere, e "scrivo perché ci sono troppe cose che, per decisione della natura, non posso fare, e troppe altre cose che, per decisione della mente, non voglio fare.".
Amo distruggere libri che hanno venduto milioni di copie, e idolatrare libri che conosco solo io (e mia madre...).

martedì 30 dicembre 2014

The end of the year - Book tag! (collab. unlibroeunacioccolata)

Buongiorno a tutti cari amici lettori. Il 2015 ormai è alle porte e per farlo entrare a pieno nelle nostre vite dobbiamo fare un resoconto dell'anno ormai giunto a termine.
Per voi oggi ho preparato un tag: "end of the year book tag". Il tag è stato creato da me e da una ragazza molto simpatica, Rebecca. Anche lei ha un blog ed un canale youtube a sfondo libresco.
Ecco il link al suo canale: https://www.youtube.com/user/larebbyy
Ecco il link al suo blog: http://unlibroeunacioccolata.blogspot.it/

E ora iniziamo con il tag!

1) Su quale libro avevi delle aspettative che sono state deluse? Quale, invece, ti ha sorpreso?
Avevo delle aspettative molto alte su "Post Office" di Charles Bukowski. Ho sentito parlare benissimo di questo autore su tumblr, da altri blogger e da gente che conosco. Ma, putroppo, a me non è piaciuto affatto. Ho trovato il suo stile di scrittura e le tematiche volgari e ripetitive. 

2) Scegli un libro che rappresenti meglio il tuo 2014.
Il libro che rappresenterebbe al meglio il mio 201 è senza ombra di dubbio "Fangirl" di Rainbow Rowell. Tutti almeno una volta nella vita abbiamo fangirlato su qualcosa e il 2014 è stato l'anno in cui io ho fangirlato su tutte le cose esistenti al mondo.

3) Qual è l'autore rivelazione del tuo 2014 ? Quale libro te l'ha fatto scoprire?
Sicuramente è l'acclamato John Green. L'ho scoperto grazie al suo romanzo d'esordio "Cercando Alaska", che mi ha consigliato una mia compagna di classe. Diciamo che il romanzo alla prima lettura mi è sembrato molto scontato, banale, quasi noioso. Ma l'ho presto rivalutato e, dopo aver letto anche gli altri romanzi di Green, non ho potuto fare a meno di amare il suo stile.

4) Qual è il genere che più hai letto nel 2014? E quale il meno?
Leggo soprattutto young-adult. Mi lascio alle spalle per paura o per disinteresse l'horror e la poesia.

5) Scegli uno dei migliori e uno dei peggiori libri che hai letto nel 2014. 
MIGLIORE: "La verità sul caso Harry Quebert" di Joel Dicker.
PEGGIORE: "Post Office" di Charles Bukowski

6) Qual è la serie tv che maggiormente hai seguito nel 2014?
Come si può non innamorarsi delle 5 bitches? Ogni puntata ti rapisce e ti porta, obbligatoriamente, ad aspettare ansiosamente la successiva. Sto parlando di Pretty Little Liars, stronzette. -A

7) Qual è il film più bello che hai visto nel 2014?
"Hunger Games - Mockingjay pt.1 (il canto della rivolta)"

8) Qual è stata la canzone/album/cantante che più hai amato nel 2014?
Per me questo è stato l'anno delle scoperte musicali: da Ariana Grande al ritorno di Taylor Swift, da Ed Sheeran agli Arctic Monkeys.

9) Quali propositi letterari hai per il 2015?
Spero di poter leggere almeno 24 libri (2 al mese). Nei quali almeno 1 classico, e 2 libri di autori che non ho mai affrontato.

10) Fai un augurio ai tuoi lettori/iscritti.
Eccoci arrivati alla fine del tag. Ormai le nostre pance saranno piene, dopo i vari cenoni e pranzi di Natale. Quindi a capodanno vi auguro molto divertimento e movimento, per smaltire il cibo in eccesso. 
Buon inizio 2015 e fine 2014 a tutti, cari amici lettori.
Ci si risente, presto.

Giò.

venerdì 26 dicembre 2014

Recensione: "Teorema Catherine" (An abundance of Katherines) di John Green.

Benvenuti ragazzuoli e buon Natale a tutti. Oggi 26 Dicembre 2014 vi faccio la recensione dell'ormai conosciutissimo "Teorema Catherine" di John Green.
Dopo il grande boom di colpa delle stelle ogni quindicenne del pianeta non ha potuto fare a meno di spendere centinaia e centinaia di euro per comprare qualsiasi cosa John Green avesse firmato: da "Cercando Alaska" a "Will ti Presento Will", da "Teorema Katherine" a "Città di Carta", dai dvd alle cover per cellulari con la celebre frase "Okay? Okay." Ma Okay de che?!


AUTORE: JOHN GREEN
CASA EDITRICE: RIZZOLI
TITOLO: TEOREMA CATHERINE
PREZZO: €14,00
VALUTAZIONE: ☆☆☆☆

Da quando ha l'età per essere attratto da una ragazza, Colin, ex bambino prodigio, forse genio matematico forse no, fissato con gli anagrammi, è uscito con diciannove Catherine. E tutte l'hanno piantato. Così decide di inventare un teorema che preveda l'esito di qualunque relazione amorosa. E gli eviti, se possibile, di farsi spezzare il cuore un'altra volta. Tutto questo nel corso di un'estate gloriosa, passata con l'amico Hassan, a scoprire posti nuovi, persone bizzarre di tutte le età, ragazze speciali che hanno il gran pregio di non chiamarsi Catherine.

Se vi volete apprestare a leggere questo romanzo dovete sorbirvi queste 3 premesse.
  1. Se sperate di trovare i più grandi temi che affliggono l'animo umano e il perchè della vità, beh, non è il libro adatto a voi. E' un romanzo, come tutti gli altri di John Green, che ha il semplice scopo di intrattenere. Insomma, nulla che vi rimarrà impresso per sempre, ma buono per passare qualche oretta di relax.
  2. Se avete un rifiuto per qualsiasi cosa di matematica, dalle addizioni in colonna alle funzioni esponenziali, beh un libro che ha 5 pagine di appendice finale con annesse spiegazioni matematiche non fa per voi.
  3. Penso sia il peggiore e il meno accattivante dei romanzi di Green, quindi se volete iniziare con questo autore non iniziate da "Teorema Katherine"
Io ho letto il romanzo in inglese, perchè, diciamocelo, spendere 14€ per una storiella divertente non lo vuole far nessuno, e negli USA sopra ai 7€ non si sale mai. 
Bene, arriviamo al dunque.
  • Di cosa parla "Teorema Katherine"?
Colin è un bambino prodigio che, oramai, di prodigioso non ha più nulla. E' uno sfigato cronico al punto tale da riuscire ad uscire con 19 ragazze che hanno tutte lo stesso nome: Katherine. E, addirittura, tutte e 19 le ragazze lo hanno piantato. Il romanzo inizia con un Colin super-depresso da far invidia a Lana del Rey intento a tagliarsi ogni venuzza del suo magro corpicino (è un'iperbole, non si sta tagliando davvero!) dentro la vasca da bagno.
L'ennesima Katherine, per l'esattezza Katherine XIX l'ha appena mollato e lui non ha più voglia di vivere. E' proprio per questo che con il suo amico Hassan, arabo musulmano più per discendenza familiare che per devozione, nonchè unico amico del nostro geniaccio, decidono di fare un road-trip che si conclude in un soggiorno nel posto più strano del mondo. 
  • Quali sono i 3 pro di "Teorema Katherine"?
  1. E' divertente, a tratti esilarante, ed è ottimo per non pensare alle sofferenze della vita e per fare quattro risate. Oh, se siete stati appena mollati non è il libro che fa per voi!
  2. Lo stile di John Green. Per chi conosce la scrittura dell'autore è chiaro ciò che voglio intendere. Per chi, invece, non ha idea di cosa io stia parlando, non gli resta che leggere qualcosa di Green. Scherzo, ah-ah. Lo stile di John è particolare perchè segue spesso il punto di vista del protagonista e riporta i suoi pensieri con ironia attraverso elenchi puntati. 
  3. Se anche voi siete ansiosi di scoprire quando il vostro amato partner vi lascerà dovete assolutamente provare a verificare con il teorema che ha creato Colin per prevedere la fine di una relazione. L'autore ha, sicuramente, fatto un lavoro di ricerca immane per arrivare a creare una funzione che esplichi le relazioni e la loro durata.
  • Quali sono i 3 contro di "Teorema Katherine"?
  1. Il finale. E' super-iper-scontato-banale, a mio parere.
  2. Forse in alcuni punti è troppo ripetitivo. 5 pagine per raccontare la storia di ogni Katherine penso annoiano moltissimo il lettore, o almeno a me hanno pesato veramente troppo. Probabilmente era meglio cospargere le varie vicende con ognuna delle Katherine nel corso del romanzo.
  3. Se lo volete leggere in italiano la traduzione non è delle migliori. Già a partire dal titolo non capisco il motivo del cambiamento di "Katherine" con "Catherine".
    Beh, cari traduttori, sappiate che c'è un giro dell'inferno per quelli come voi.
Giò.

martedì 23 dicembre 2014

THE GRINCH BOOK-TAG!

Salve a tutti amici lettori. Oggi siamo qui con un tag per tutti coloro che odiano il Natale. Seppur io sia la tipica persona che ama tutto (e ripeto, TUTTO) del periodo natalizio, ogni tanto tutti quanti si sentono dei Grinch. 

- La tua insopportabile zia Sally non vuole lasciarti da solo a casa. Scegli un libro che non ti è piaciuto, ma che tutti hanno amato.
WINTERGIRLS di Laurie Halse Anderson. Tutti lo adorano come il miglior libro sull'anoressia, ma sembra che a nessuno importi la scrittura, a mio parere imbarazzante.

- Hai scoperto che in realtà Babbo Natale sono i tuoi genitori. Nomina un libro che ti è stato spoilerato.
RESTA ANCHE DOMANI di Gayle Forman. Me lo sono auto-spoilerato leggendo la quarta di copertina del sequel.

- Fuori è troppo freddo. Nomina un personaggio di un romanzo che ti è antitetico.
TWILIGHT by Stephenie Meyer. Ho sempre odiato con tutto me stesso qualsiasi personaggio maschile di quel romanzo.

- "All I Want For Christmas Is You" di Mariah Carey ti mette di cattivo umore. Nomina una coppia di un romanzo che non puoi sopportare assolutamente.
****************************************************SPOILER ALERT*********************************************************
TEOREMA KATHERINE di John Green. E' troppo banale e scontato che in fin dei conti Colin si sarebbe messo con l'unica protagonista femminile del romanzo. Insostenibile la scelta di John stavolta!

8. Tua nonna, a piedi, riesce a sorpassare un auto in fila tra le auto che stanno andando a comprare regali. Nomina un personaggio morto di cui tu sei ancora pazzo.
SHADOWHUNTERS di Cassandra Clare. Al contrario di molti io amavo il Simon mortale e umano rispetto al vampiro che ci si presenta dal secondo libro della saga in poi. Mi manchi Simon! 
 
9. I centri commerciali sono pieni di persone che stanno facendo i regali di Natale all'ultimo momento. Nomina una serie che contiene talmente tanti libri da non voler iniziare a leggerla. 
PRETTY LITTLE LIARS di Sara Sheppard. Io amo con tutto il mio cuore il telefilm, ma una serie di libri composta da circa 15/16 libri e ancora non conclusa (non ho idea di quanti libri siano, ma troppi) non è abbordabile per un lettore che non la segue dall'inizio. Ma amerò per sempre le mie bitches! 

10. The Grinch : Nomina un personaggio che odi (non un cattivo!). 
TUTTO PER UNA RAGAZZI di Nick Hornby. Se leggerete mai questo libro spiegatemi se sia possibile amare davvero il protagonista. Sam è la stupidità fatta persona.  

domenica 21 dicembre 2014

Reader problems book-tag!

Buon pomeriggio e buona domenica a tutti miei cari segnalibriccioni!
Oggi non vi parlo di qualche libro in particolare ma dei più "gravi" problemi che possono affliggere noi lettori. Non saper scegliere cosa leggere, non riuscire a finire un librodimerda, non voler spendere troppo seppur il libro lo desideriamo davvero moltissimo.
Come affronta un lettore-doc, cioè il sottoscritto (viva l'autostima) queste ricorrenti difficoltà?
Scopriamolo in questo tag.

Tu hai 20,000 libri nella tua TBR (liri da dover leggere). Come decidi quale sarà il prossimo libro? 
Oh, che domanda difficile. Di solito mi lascio influenzare dall'aspettativa che ho del libro e dal periodo in cui mi trovo. Se, ad esempio, sono in un periodo in cui ho compiti e interrogazioni ogni giorno di certo non mi metto a leggere Victor Hugo o Dostoevskij, ma preferisco qualcosa di più leggero.
Sei a metà di un libro che non ti sta piacendo. Smetti di leggerlo o cerchi di finirlo?
Solitamente cerco a tutti i costi di finirlo anche solo per poi poterlo distruggere e insultare a pieno spoilerando il finale ad ogni essere esistente e dicendo di non leggerlo MAI E POI MAI. Sì, lo so.
Quest'anno sta giungendo a termine e tu sei lontano dal numero di libri che ti eri prestabilito di leggere su GoodReads. Cerchi di riuscirci comunque e come?
Il numero che inserisco su GoodReads è solamente indicativo. Penso che la lettura sia un piacere e così debba rimanere. Prefissarsi un numero e cercare di raggiungerlo senza trovare piacere nel leggere non ha senso. 
Tutti quanti stanno elogiando un libro che tu hai odiato. Come ti comporti?
Io insulterò quel libro, la pessima scrittura dell'autore, l'autore, la casa editrice, la copertina, la rilegatura, le illustrazioni, il font e persino il codice a barre fino alla fine dei tempi.
Stai leggendo un libro e stai per metterti a piangere in pubblico. Come ti comporti? 
Un vero uomo non piange! Ahah, scherzavo. Di solito inizio a toccarmi gli occhi e a far finta che ci sia finito qualcosa. 'Sti moscerini di merda! 
Il seguito di un libro che tu hai amato è appena uscito in libreria, ma tu hai dimenticato molto del precendete. Rileggi il libro precedente?
Solitamente no, non posso subire la tortura di non sapere come andrà a finire la nuova uscita e non posso correre il rischio che mi venga spoilerato. Questo se, comunque, rileggendo la trama mi ricordo gli avvenimenti. Se ricordo poco o nulla lo rileggo.
Tu non vuoi prestare assolutamente i tuoi libri. Come ti comporti con qualcuno che te li chiede in prestito?Solitamente mi invento le scuse meno credibili del mondo. Da "non lo trovo più" a "ma io non ho questo libro" passando per il più celebre "lo sta leggendo il mio gatto". Ah, no, aspettate, ma io non ho un gatto. Dettagli!
Ci sono così tanti libri che sono appena usciti e che tu vorresti leggere. Quali compri?
Come tutti i Jack Sparrow che si rispettano cerco di trovare il libro in stand/mercatini seppur sia appena uscito. Altrimenti mi affido a bookmooch o a siti che vendono libri usati ma che sembrano nuovi. Altrimenti cerco di raccogliere i miei poveri risparmi e comprare online con lo sconto del 15% quelli che desidero maggiormente.

E voi come vi comportereste in queste situazioni? Fatemelo sapere nei commenti!
Giò.

sabato 20 dicembre 2014

In my mail-box! #2

Oramai questa rubrica entra in mezzo alla settimana, il weekend, la mattina, la sera, il pomeriggio, insomma, in ogni momento. Proprio perchè i pacchi arrivano in svariati momenti e con corrieri diversi che hanno orari leggermente scombussolati. C'è chi ti consegna i pacchi alle 10 di mattina di sabato, mentre tu sei a scuola, e devi poi andarli a ritirare alle poste. Altri, invece, arrivano alle 4 di pomeriggio lamentandosi per aver dovuto sviare in paesini sperduti dell'entroterra. Ao, ciccio, l'ho pagato sto servizio!Comunque, bando alle ciancie! Oggi vi presento due libri che ho ordinato da amazon.it in lingua originale, ma potete trovarli anche in italiano!

  • NESSUN DOVE di Neil Gaiman (neverwhere). Non ho idea di ciò di cui parli ma lo sconto del 40% mi ha convinto a comprare questo romanzo, già presente nella mia wishlist da mese. In italiano è fuori catalogo, e quasi del tutto introvabile. Ma confidiamo tutti nei mercatini vintage!

AUTORE: NEIL GAIMAN
CASA EDITRICE: FANUCCI
TITOLO: NESSUN DOVE
PREZZO: FUORI CATALOGO (USATO DAI 12 € IN SU')

  • WILL TI PRESENTO WILL di John Green (Will Grayson, Will Grayson). Cosa succederebbe se il pluripremiato e in voga scrittore di "Colpa delle stelle" parlasse dell'incontro casuale tra due ragazzi omonimi? 


    • AUTORE: JOHN GREEN
      CASA EDITRICE: PIEMME
      TITOLO: WILL TI PRESENTO WILL
      PREZZO: € 16,00

      Spero che anche voi vogliate leggere questi due romanzi o, se l'avete già fatto, fatemi sapere la vostra esperienza nei commenti. 
      Giò.

      Subscribe to our newsletter

      Follow by Email